7 Cose da sapere se ami il gelato

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su pinterest

1) Quali ingredienti devono esserci

Gli ingredienti devono essere chiari con indicazioni
 sull’origine o sulla storia di quel prodotto. Un conto è dire Fragola, altro è dire Fragolina di Maletto, perché sta ad indicare che il gelatiere si impegna a ricercare prodotti quanto più buoni possibile e non generici. Allo stesso modo verifica l’utilizzo di prodotti biologici, DOP, IGP. Più ce ne sono, meglio è. Se invece tutti i gusti sono generici è quasi sicuramente sinonimo di prodotti comprati più dall’industria che dall’agricoltore. Aromi di sintesi, coloranti sintetici, grassi vegetali idrogenati, olio di palma. Sono tutti ingredienti che non devono esserci se tieni alla salute tua e dei tuoi cari. Ma come fai a sapere cosa c’è e cosa non c’è nel gelato che mangi? Semplice, grazie al libro ingredienti!

 

2) L’importanza del libro ingredienti

Ti immagini se dovessi ordinare una pizza senza sapere cosa c’è dentro? Per il gelato è lo stesso. Per questo ogni gelateria di alto livello che si rispetti deve avere esposto e consultabile il libro ingredienti. Allo stesso modo è importante che in tutti i gusti sia segnato in maniera ben visibile ogni eventuale allergene per evitare dubbi e confusioni. E’ fondamentale che quello che mangi sia il più genuino possibile affinché sia anche più digeribile. Il gelato deve essere un piacere, non una tortura! Scopri qui come dovrebbe essere un vero libro ingredienti
 

3) Vera Panna Fresca o crema vegetale?

Purtroppo in tanti piuttosto che servire la VERA PANNA (ottenuta da crema di latte fresco di mucca) servono l’odiosissima crema vegetale, fatta a base di acqua, aromi, coloranti e oli vegetali frazionati e idrogenati. Attenzione, all’aspetto è identica, può essere montata sia a mano, sia in planetaria, sia con il classico montapanna da banco (la macchinetta), esattamente come la VERA PANNA, e certe volte il gusto a primo impatto è gradevole. Il problema però ce l’hai dopo: il palato si impasta e non riesci a digerirla bene. Perchè molti usano la CREMA VEGETALE piuttosto che la meravigliosa VERA PANNA? Semplice: costa un terzo! Come fare per evitare queste fregature? Purtroppo non basta andare nei posti rinomati (credimi anche quelli a volte la usano) e non basta nemmeno chidere se hanno la VERA PANNA, risponderebbe si a priori. L’unico modo che hai per salvarti è dire di essere INTOLLERANTE alla PANNA VEGETALE (che è un pò la verità visto che è difficilmente digeribile per tutti), allora vedrai che magicamente ti daranno l’informazione corretta e poi sarà tua decisione se accettarla o andare a scegliere un’altra gelateria.

4) Valori etici e morali

Quando pensi ad un buon gelato di solito pensi al buon sapore. In realtà ci sono gelaterie che sono “buone” anche di animo perchè oltre a regalare un sorriso a chi quei gelati li assaggia, lo sanno regalare anche a chi non ha la stessa possibilità di assaggiarlo. La prossima volta che entri in una gelateria chiedi se sono socialmente impegnate o se aiutano qualche associazione, a te non costa nulla ma a qualcuno può cambiare tanto!
 

5) I gusti da cui scappare a gambe levate

Uno su tutti, il “mitico” Puffo. Ebbene si, quello che hai dato con tanto amore ai tuoi piccoli non è altro che un fiordilatte ricco di coloranti e aromi, il peggio per il tuo bambino. Assurdo ma vero. Da evitare anche i nomi dai gusti industriali tipo merendine o creme spalmabili, come nel caso di quella che inizia con NUT e finisce con ELLA: nel migliore dei casi è mancanza di fantasia del gelatiere, nel peggiore dei casi uso di prodotti industriali. Stesso discorso per i gelati con colori accesi o peggio ancora fluorescenti e con nomi di supereroi famosi o cartoni animati. Fai mangiare questa roba a chi non capisce niente di alimentazione!

6) Verifica la credibilità della gelateria

Da quanto esiste questa gelateria? Da quanto si occupano di fare buon gelato? E’ una tradizione di famiglia? Hanno partecipato a concorsi nazionali o internazionali? Ne hanno vinti? Queste sono alcune delle domande alle quali rispondendoti potrai scoprire se si tratta di un posto improvvisato o di un luogo dove il gelato è un culto di famiglia ed una passione.

7) Il prezzo troppo basso non è mai un’occasione

La differenza tra andare a mangiare in Osteria o in un ristorante stellato è evidente. Lo è nell’esperienza vissuta ma lo è alla fine anche nel prezzo che spesso è dieci volte di più. Nel gelato è un pò diverso. La differenza di costo tra industriale, finto artigianale e vero artigianale è spesse volte impercettibile, minima. Magari nella gelateria che non usa ingredienti di qualità il cono piccolo può costare 1,50 o 1,80 mentre in quelle più ricercate varia da 2,00 fino a 2,70. Alla fine il Gelato costa quasi uguale in entrambi i posti, solo che se scegli le prime rischi di pagare quel misero risparmio di pochi centesimi con una pessima esperienza. Ne vale la pena?

Vuoi saperne di più sul Gelato e sulle nostre iniziative? Registrati al nostro gruppo facebook Gelato Lovers cliccando QUI!